Perchè non ci piacciono?

Mi sono sempre domandato perchè infondo non riesco (spero riusciamo) a digerire ne Bush ne Berlusconi. A me propio non vanno giù! Non li reputo persone degne di guidare una nazione per il secondo sinceramente non riesco nemmeno a pensare che possa aver costruito un impero con le sue forze (la storia sarà più chiara fra molto anni ma direi fin da ora che quantomeno le amicizione importanti, vedi Craxi per fare un esempio, sono state determinanti per raggiungere certi obiettivi). Orbene Compagni che leggete (a quelli che si sentono infastidi dalla definizione di compagno suggerisco di non proseguire e non alla lettura dell'articolo ma proprio del sito !) ho trovato un interessante testo girellando per il web. Vi prego di leggerlo sotto trasportandovi dentro al posto di MrX il signor Berlusconi oppure con qualche sforzo adattatelo al signor Bush e vedete se ci ritrovate aspetti di questi personaggi (IO purtroppo MOLTI !) vi dirò poi chi ha scritto questo e cosa ci fosse in realtà al posto di MrX !

"MrX conviene agli Italiani perché è nella loro natura e racchiude le loro aspirazioni, esalta i loro odi, rassicura la loro inferiorità.
MrX è demagogico ma padronale retorico, xenofobo, odiatore di cultura, spregiatore della libertà e della giustizia oppressore dei deboli, servo dei forti, sempre pronto a indicare negli « altri » le cause della sua impotenza o sconfitta.
MrX è lirico, gerontofobo, teppista se occorre, stupido sempre, ma alacre, plagiatore, manierista.
Non ama la Natura, perché identifica la natura nella vita di campagna, cioè nella vita dei servi; ma è cafone, cioè ha le spocchie del servo arricchito.
Odia gli animali, non ha senso dell’arte non ama la solitudine, né rispetta il vicino, il quale d’altronde non rispetta lui.
Non ama l’amore, ma il possesso.
Non ha senso religioso, ma vede nella religione il baluardo per impedire agli altri l’ascesa al potere.
Intimamente crede in Dio, ma come ente col quale ha stabilito un concordato, do ut des.
È superstizioso, vuoi essere libero di fare quel che gli pare, specialmente se a danno o a fastidio degli altri.
Il MrX è disposto a tutto purché gli si conceda che lui è il padrone, il padre."

Allora che ne pensate? voi ci vedere qualche assonanza? Ecco.. il testo è di Ennio Flaiano è tratto da "Il diario degli errori" e per giungere alla versione originale dovete sostituire a MrX "Il fascismo" !!!! Ora non sò per voi... ma forse un'pò della nostra disistima verso certo personaggi può nascere dal fatto che a pelle abbiamo conosciuto questi personaggi per quel che sono... senza che gli si sia mai veramente appiccicata addosso la loro aggettivazione corretta!