Per chi voto

E' un momento difficile per tutti e le elezioni ora proprio mi lasciano senza parole. Sono stranamente indifferente alla politica, ai comizi, è veramente 0 assoluto di interesse. In questa campagna elettorale c'è sicuramente qualcuno da battere, Berlusconi perchè non ci crediamo, perchè non credo nella ricetta neo-liberista e non vedo una grande prospettiva nel far governare il buon Silvio per altri 5 anni. Nei 5 anni passati non ho visto grandi miglioramenti al mio status e non credo i prossimi 5 possano segnare questo grande progresso. Partendo da questo punto fermo, non vorrei essere governato da Berlusconi, mi trovo nell'empasse di scegliere a chi attribuire il mio voto vorrei pertanto fare un analisi partito per partito della cosa e semplicemente scrivere e condividere il mio pensiero.

Per fare un analisi quanto più esaustiva partiamo da destra:

Storace - Santanchè: Detto che hanno avuto il coraggio delle proprie idee e che non si sono compromessi con Mr.B. l'unico motivo per votarli sarebbe che l'antagonista di chi non voglio governi è mio amico. Mi sembra una motivazione puerile, non li condivido quasi per niente nei programmi e non sono mai stato un F... insomma uno molto a destra quindi loro sono cancellati dalla lista.

Udc: Detto che anche loro hanno avuto il coraggio delle loro idee e non hanno ceduto alle minacce del Cavaliere già il loro modo di fare è più moderato (quasi come il mio) anche se non mi troverei in linea con diversi aspetti del loro programma potrebbero essere una alternativa interessante (almeno alla camera) come voto, chissà (il problema sono i candidati che veramente non fanno per niente impazzire).

Pdi-Idv: Per quanto ce la vogliano far passare differentemente è una coalizione un'pò eterogenea (è come Berlusconi-Bossi-Fini) e per quanto il voto a loro voglia poter dire che Berlusconi non ci governerà ho molte riserve. La ricetta del buon Walter, persona per la quale non ho mai simpatizzato e della quale non ho grandissima fiducia, è molto simile a quella del buon Silvia: Cemento, Abbassamento delle tasse, Riduzione dell'ici, Agevolazioni alle imprese etc etc.. E' una ricetta che non condivido (non in certi punti) e che è resa se vogliamo molto più preoccupante dai candidati (Colanino per esempio il figlio di quel Colanino che ha giocato con la telecom e rendendola quello che è adesso e poi vendendola, Calearo, Per la quinta volta la moglie di Fassino e altri grandi nomi che tutti sono meno che di sinista e poco hanno a mio parere anche a che fare con il Centro). E' un partito per le imprese mi sembra una sorta di Caravanserraglio guidato da LCdM (Luca Cordero di Montezemolo). Si può votare per qualcuno che non condividi ma che è meglio di qualcuno che condividi meno ? Bel pase del piffero che abbiamo.. nemmeno il voto è veramente libero! (Se non Voti per me ti governa Berlusconi, potrebbe essere il miglior slogan elettorale di Veltroni... che Bello!) D'altronde lo dico sempre PD e PDL vogliono la dittatura 2 soli schieramenti o noi o loro che alla fine dicono tutte cose simili (avete presente la grande democrazia americana dove se và bene il presidente è eletto con un aflluenza del 50% ? Ecco uguale... secondo me uno schifo... ma ormai tutti pensiamo che la tradizione classica-europea sia da buttare, che ci volete fare? Siamo uno delle culle della cultura e della civiltà e ci svendiamo, per di più male, perchè pensiamo che in America stiano economicamente meglio... senza pensare all'ignoranza, alla fame e a tutti gli immani problemi di una società in stile americano)

Sinistra Arcobaleno: Il mio voto al senato (dove quest'anno voterò per la prima volta) sarà quasi certamente per loro. Avrei gradito moltissimo un rinnovamento nelle facce (si poteva candidare un giovane a presidente del consiglio ?). Detto ciò posso notare che sicuramente questa è una sinistra morbida (nel senso che anche in questo governo ha accettato molto portando a casa poco... però meglio poco che nulla no in un contesto in cui, all'atto pratico, c'è un centrodestra immenso pari al 90% dell'elettorato e forse più!). Ho deciso quindi di votare per Fausto al senato.. così se finisse con un quasi pareggio (e magari la vittoria del PD alla camera) potrei avere la speranza che il governo si formi a sinistra (cosa a cui credo poco) piuttosto che a destra.

PSI - PCdL - SinistraCritica: Li metto tutti insieme perchè per loro vale un discorso tutto particolare. Fermo restando la simpatia per Boselli, la condivisione di molti aspetti della politica con Ferrando e l'assoluta intransigenza di Turigliatto (tutti validi motivi di voto) fra lo sbarramento e altre cose mi sembra improbabile che possano approdare in parlamento (anche con il mio voto) e votare per loro è assolutamente rischioso nel senso che potrei regalare il voto a chi vince.

Altri: Per tutti gli altri vale lo stesso discorso che vale per i 3 sopra solo che loro hanno si il vantaggio di non essere molto compromessi ma lo svantaggio di fare campagne parziali (ovvero puntano a sottolineare molto un solo aspetto della vita di questo paese senza far intravedere un idea di ampio respiro, anche se magari vecchia come quella di PD e PDL, per oltre al rischio di votare per loro perdendo il voto c'è il rischio che se vanno in parlamento un ci fanno gran'chè.

Astensione - Voto Nullo: Mossa inutile, come votare per il più forte... a quel punto meglio mettersi tutti d'accordo e votare in massa per un micropartito sperando di farlo pesare tanto e vedere che combina.

Scheda Bianca: Possibilità interessante se ci fosse una grande percentuale di schede bianche sarebbe palese che nel paese c'è molto che non và... ma chi è che và a votare scheda bianca ?

In maniera molto schematica questo è il mio grande dilemma... voi come votereste? che fareste? Bhò... penso che deciderò nel segreto dell'urna e solo li... anche perchè salvo i piccoli gli altri hanno tutti candidati non in grando di convincermi su nulla e programmi da barzelletta!

Meglio pensare alla Viola, domani sera a Eindoven (si scrive così?) e poi domenica a milano... almeno lì, c'è soddisfazione!